La situazione del Social Media Marketing: Edizione Autunno 2014

Con tutti i cambiamenti recenti che ci sono stati nei social media, tenere il passo è difficile.
Recentemente, ci sono infatti stati alcuni grandi ed importanti cambiamenti nei social media ed è per questo che in questo articolo tratteremo i principali cambiamenti:

Pinterest presenta il suo sistema di messaggistica
Pinterest sta diventando sempre più social grazie anche alla sua ultima novità: la messaggistica privata.
Con l’introduzione della messagistica è possibile inviarsi pin e rispondere con pin su qualcosa di interessante che si trova sulle board. Tra l’altro la conversazione può anche essere di gruppo, così se si sta partendo per le vacanze si può condividere immagini e itinerari (con i pin geolocalizzati) dei posti da visitare e molto altro ancora. Corso-Social-media-marketing

LinkedIn lancia il bottone “Follow”
Nonostante sia ancora abbastanza complicato da usare ed accedervi, anche LinkedIn si allinea con gli altri social network e mette a disposizione il Follow Company  Button che permette ai suoi iscritti di rimanere aggiornati sulle news e sulle offerte di lavoro di un’azienda. Prima questa funzionalità era solamente disponibile ad una cerchia ristretta di LinkedIn Influencer.
Questo significa che è possibile seguire i posts di qualcuno che non è presente nella propria rete e, di conseguenza, interagire con i loro posts.
Per accedervi, è necessario andare sul profilo di qualcuno che non è presente nella propria rete; passare il mouse sopra la freccia accanto a “Invia Nome InMail” e selezionare “Mostra Attività recente”.
Verrà poi visualizzato un elenco dei loro post più recenti, l’attività su LinkedIn, ed un pulsante giallo “Follow” in alto a destra del loro profilo.

Facebook vieta i like-gates
Jim Belosic, CEO of ShortStack, concorda con la decisione presa da Facebook, affermando che :
“Questa decisione è giusta. Da tempo ci stiamo sempre più  allontanando dalle logiche di like-gating per due motivi:

  • Il valore di un Like è minore rispetto ad altri dati che un’azienda avrebbe dovuto cercare di raccogliere (e-mail, feedback, opinioni, altri). Penso che molti business siano stati troppo concentrati nel cercare di ottenere  molti likes, piuttosto che nell’aver attuato azioni che avrebbero invece potuto avere un ROI più elevato.
  • Il like-gate sul mobile è terribile e fondamentalmente malfunzionante. L’accesso da mobile è all’apice, ma quando si invia ad un utente mobile un app like-gate su Facebook, la UX è terribile. Molte volte all’utente viene chiesto di effettuare nuovamente il login su Facebook, o il reindirizzamento sull’app non avviene e l’utente rimane bloccato su una pagina vuota.

Questo cambiamento è segno che anche Facebook sa che un “like” non vale tanto quanto gli amministratori di una pagina pensano. La maggior parte degli esperti di marketing si sono già allontanati dalle tecniche di like-gating, ma questo cambiamento costringerà anche tutti gli altri ad adottare altri metodi e vedere  risultati migliori dai loro sforzi. ”

Twitter lancia la funzionalità di promozione video
Dal momento che Twitter è ormai una società quotata in borsa, non stupisce il fatto che continuino ad implementare funzionalità volte ad accrescere il loro profitto e una delle ultime novità è la promozione di video. Se utilizzata in modo corretto, questa funzionalità rappresenta una nuova  ed entusiasmante opportunità per gli inserzionisti.

Facebook prende provvedimenti severi su  click “esca” con nuove regole
Se sei infastidito come lo sono io, dalla continua richiesta di click “esca” che provengono da siti come BuzzFeed e Upworthy, sarete felici di sapere questo nuovo cambiamento. Facebook sta modificando l’algoritmo per penalizzare gli articoli nel News Feed che continuano a chiedere click senza fornire molte informazioni su cosa ci si dovrebbe aspettare.
La parte interessante è il modo in cui stanno cercando di determinarlo. Monitoreranno:

  • Il rapporto tra le persone che cliccano sul contenuto rispetto a quelle che ne parlano con gli amici e lo condividono (bassa interazone= maggior potenziale di rischio di “click esca”)
  • Il tempo trascorso lontano da Facebook prima di ritornarci (basso tempo trascorso = maggior potenziale di rischio di “click esca”)

Facebook prende provvedimenti severi per i links nelle didascalie di immagini
Nell’ambito della regolazione del algoritmo dei “click esca”, Facebook penalizza in termini di ranking posts con immagini che hanno links nelle didascalie.

Twitter propone un feed aggiornato “filtrato”
Questo cambiamento ha suscitato una polemica dopo che Twitter ha annunciato che avrebbe attuato, nel 2015, un algoritmo basato su feed. Anthony Noto, CFO di Twitter, ha dichiarato pubblicamente che organizzare tweets in base al tempo “non è l’esperienza più rilevante per gli utenti.”
Sono commenti come questi che stanno alimentando la polemica di quelli che temono che Twitter inevitabilmente diventerà come Facebook. Possiamo fidarci di Twitter per determinare quali tweet dovremmo e non dovremmo vedere nei nostri feed?

LinkedIn Publisher cambia, nascondendo le statistiche di condivisione social
Tra tutti i cambiamenti che stanno avvenendo nei social, questo è sicuramente quello più bizzarro: LinkedIn Publishing ha eliminato le statistiche di condivisione social sui posts. Questo è un elemento vitale per i social e influisce sulla qualità di contenuti che il lettore sta per leggere, prima di passare effettivamente a leggerlo. Hanno cambiato la grafica di come i posts appaiono quando si leggono in LinkedIn Publisher, ma per qualche motivo hanno misteriosamente eliminato i numeri che mostravano  quante persone avevano condiviso quel post.

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...