Le ricerche sono diventate mobile (anche in casa)

I device mobili sono quotidianamente sempre più spesso preferiti a pc desktop e laptop. Il 70% degli utenti usa infatti lo smartphone per cercare anche da casa, sfruttandone il facile accesso. Le esigenze degli utenti si evolvono e un sito responsive diventa imprescindibile. Sono alcuni dei suggerimenti dell’indagine condotta da Find.

Anche le ricerche in-store sono sempre più diffuse (dal 54% di utenti che hanno effettuato almeno una ricerca in-store del 2013 si è passati al 62% del 2014). Anche se spesso questo non si traduce in un acquisto. Una tendenza che le imprese fanno bene ad assecondare.

ricerche mobile

Il 30% degli utenti ha effettuato almeno un acquisto in negozio dopo aver trovato con lo smartphone le informazioni utili per decidere (era 23% nel 2013).

Molti smartphone ma ancora una certa diffidenza. Nonostante un uso massiccio dei canali mobile, il 10% degli italiani preferisce il negozio anche in presenza di forti sconti sul web.

Il prezzo, però, gioca giù un ruolo decisivo: i ribassi sono la principale motivazione che spinge all’acquisto on line. Anche se si deve trattare di sconti superiori al 20-25%. Altrimenti il negozio viene ancora percepito come più affidabile.

Rispondi