Wearable per il fitness, attenzione al fattore fashion

I settori del fitness e del wellness sono quelli che per primi hanno sfruttato le potenzialità dei wearable device implementando soluzioni indossabili in bracciali, fasce, scarpe e magliette. Per il runner esperto oggi ci sono centinaia di dispositivi capaci di tracciare la velocità, il battito cardiaco, ma anche la sudorazione, l’ossimetria e altri parametri vitali.

Ma le aziende devono stare attente. I consumatori infatti scelgono un prodotto prima di tutto per la funzionalità, ma subito dopo per il suo look. Questo è quanto emerge  da un sondaggio condotto dalla rivista statunitense Men’s Health.

I dispositivi più diffusi tra gli sportivi risultano essere i bracciali, con il 56%, seguiti dagli orologi, 36,5%, dalle scarpe, 10,3% e infine dalle magliette, con solo il 4,7%.

Un dato che si spiega con il fatto che solo la metà degli intervistati indosserebbe una giacca con dei sensori. E la motivazione non va ricercata nella scomodità o non funzionalità, quanto nel fattore moda. Il terrore degli utenti, rivela il sondaggio, è di passare dall’essere sportivi tecnologici a nerd sfigati.

smart-style-01-2015

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...