Web design, 5 cose da evitare

15931858923_c26dcf3571_zCi sono trend da seguire e altri dai quali tenersi alla larga. È un principio che vale per tutto, anche per il web design. Ecco 5 tendenza che si osservano sempre più spesso ma che converrebbe trattare con cautela. Perché il punto di partenza e quello d’arrivo devono coincidere: sono la user experience

  1. Autoplay – Immaginate di essere in ufficio e di aprire un sito web. Avete dimenticato il volume al massimo e le cuffie scollegate. È uno dei casi in cui vorreste fare a meno dell’autoplay, quel sistema che avvia video e sonoro indipendentemente dalla vostra volontà. L’obiettivo sarebbe attrarre l’attenzione degli utenti. Spesso l’effetto è confonderli.
  2. Mobile only? – Il mobile si è affermato. E su questo non ci sono dubbi. Ma costruire un sito web pensato solo per gli smartphone sarebbe un errore. Perché c’è un mondo che ancora preferisce il desktop. La soluzione è in una parola: responsive design.
  3. Guardare e non toccare – Nessuno sente la mancanza di quelle pagine anni ’90 tutte banner e link. Però la bellezza fine a se stessa non porta da nessuna parte. Il sito web deve essere funzionale e accompagnare l’utente. Bello e possibile.
  4. Splash Page – Non sentirete mai un utente pronunciare queste parole: “Adoro le splash page perché rendono più facile l’accesso ai contenuti”. Si tratta di pagine introduttive, che impongono un click ulteriore. In alcuni casi (advertising, collegamento ai social network) possono essere utili. Spesso è meglio evitare.
  5. Slider – In auge fino a qualche mese fa, lo slider di immagini che scorrono non sono sempre una buona idea. Distrae l’utente, si confonde con la pubblicità e per questo rischia di essere ignorato. Raramente coincide con la velocità di scorrimento desiderata dall’utente.

Rispondi