Le app per la mobilità ora sono sempre più social

moovitLe applicazioni per la mobilità si stanno ormai diffondendo in tutte le città con un esteso sistema di trasporti pubblici. Da Roma a Milano i residenti, ma sempre più spesso anche i turisti, scaricano le app per avere mappe della città e del suo trasporto pubblico, ma anche per calcolare percorsi, cercare la fermata più vicina e persino comprare il biglietto, una sorta di e-ticket che non ha bisogno di essere obliterato.

Ma chi si occupa di sviluppare app per la mobilità non può non prescindere dal risvolto ‘social’ che ha lo spostarsi per la città. Pensiamo al traffico: non è affatto prevedibile. Basta un incidente o un guasto ad un mezzo per sconvolgere il sistema di trasporto pubblico e non. Ecco allora che le segnalazioni degli utenti o dell’azienda dei trasporti locali sono fondamentali.

Partiamo dall’app per la mobilità dell’Azienda Trasporti Milanesi, che ha tutta una sezione dedicata ai feed twitter provenienti dal servizio clienti che aggiorna i viaggiatori su ritardi, guasti alle linee, orari speciali, ma anche eventi pubblici importanti che possono influire sulla mobilità. C’è una manifestazione, un concerto, un incidente? Basta un tweet.

Ma ci sono anche le app non sviluppate dalle aziende di trasporti. Un esempio? Moovit, nata dall’inventiva di una start up israeliana, permette di pianificare un percorso in città con l’utilizzo dei mezzi pubblici, ma ha puntato tutto sulla interazione con gli utenti che segnalano qualsiasi anomalia nei trasporti. I server di Moovit raccolgono dai 2 ai 3 miliardi di dati al mese, uno scambio costante di informazioni che permettono all’app di essere super aggiornata.

Waze è forse l’applicazione più completa per chi viaggia molto in auto e vuole avere sempre sotto controllo lo stato del traffico, la presenza di autovelox (anche mobili), cantieri, incidenti e deviazioni. Le informazioni vengono aggiornate dagli utenti che fanno segnalazioni attraverso l’applicazione. Ovviamente grazie all’interfaccia Facebook si possono aggiungere amici e condividere percorsi.

Dopo il traffico è il parcheggio il cruccio più grande degli automobilisti. Parkopedia è una app per la mobilità sociale che ha l’ambizione di catalogare tutti i parcheggi del mondo. Ogni utente può segnalare la presenza di un parcheggio, indicare le fasce orarie consentite, eventuali pedaggi e limitazioni. Per ora sono catalogati 40 milioni di posti, ma sono in costante crescita.

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...