Web summit Dublino: tutto quello che c’è da sapere

web summitIl Web Summit di Dublino ha solo pochi anni ma è già un classico. E dal 3 al 5 novembre ripare le porte al mondo dell’innovazione. Il sito dell’incontro ha sintetizzato tutto in una formula: 1 biglietto = 21 summit + 1000 speaker e 30 mila presenze. Presenze di peso, tra startup innovative e big del settore, che hanno reso il Web Summit “la più grande technoloy conference del pianeta”. E poi questa sarà anche un’edizione particolare: l’ultima a Dublino. Dal prossimo anno si vola a Lisbona.

Il Web Summit si racconta da sè, attraverso gli argomenti proposti, i protagonisti delle discussioni e l’incontro tra l’innovazione in cerca di investitori e quella che cerca nuove idee. Così, anno dopo anno, come ha scritto il Guardian, l’incontro di Dublino “definisce un ecosistema”. E, a giudicare dal programma presente sul sito ufficiale, lo farà anche quest’anno.

Speaker – Il pezzo forte del summit sono, come al solito, i nomi degli speaker. Star della tecnologia ma non solo. Ci sono anche nomi forti del giornalismo, della pubblicità, dell’arte e dello sport. Scorrere la lista è un piccolo viaggio nel mondo dell’innovazione.

A salire sui palchi del summit ci saranno, tra gli altri Mike Krieger (Co-Founder di Instagram), Ed Catmull (presidente di Pixar & Disney Animation), lo scrittore Dan Brown, il portafogli pesante di Christine Herron (direttore di Intel Capital), Palmer Luckey (fondatore di Oculus VR), il ciclista Chris Froome, il ceo di Zalando Robert Gentz e quello di Kickstarter Yancey Strickler. Ma l’elenco potrebbe continuare a lungo. Così come quello dei manager delle imprese presenti. Solo per citare le più note: TomTom, Google, Coca-Cola, Microsoft, IBM, Facebook, BlaBlaCar, Sky, LinkedIn, Telefonica, Twitter, Vox, Cnn, Pinterest, Mastercard, Ford.

Startup – La presenza di alcuni tra i manager più infuenti del pianeta è l’occasione per tessere relazioni, per fare il punto sull’innovazione mondiale e ipotizzare il futuro. Ma è anche una impareggiabile opportunità per le startup selezionate. Anche quest’anno, come di consuto, un gruppo di imprese in embrione potranno avere uno stand per farsi conoscere. Ma non solo: avranno l’opportunità di accedere a programmi di mentoring, workshop, tavole rotonde. In altre parole, si ritroveranno faccia a faccia con menti e portafogli dai quali potrebbe dipendere il loro futuro.

Programma – Il Web Summit sarà aperto dal ceo Paddy Cosgrave alle 9:20 del 3 novembre. Gli appuntamenti, come di consueto sono agili: 15-20 minuti di interventi, interviste o dibattiti. E così nel giro di qualche ora si concentreranno sul palco personalità che di solito è difficile riunire nell’arco di un intero anno. Per fare qualche nome: Stewart Butterfield (ceo di Slack), Michael Dell (ceo del gruppo di famiglia), Mike Schroepfer (Cto di Facebook), Palmer Luckey (Oculus) e Chris Froom. E questo solo nelle prime tre ore.

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...