Facebook e Pmi, un potenziale ancora da esplorare

Tutti lo dicono, ma sono in pochi a farlo. Facebook è diventata la casa virtuale degli italiani e le imprese, piccole e grandi, hanno in mano uno strumento potente per raggiungere potenziali clienti. Ogni direttore d’azienda lo sa, ma sono in pochi ad avere strategie di successo sui social network.

Ma qual è il rapporto tra piattaforme sociali e Pmi? Spidwit, società impegnata nella produzione di tool a supporto del marketing digitale, ha realizzato uno studio su come aziende e professionisti usano Facebook, sintetizzato in un’infografica.

Diciamo prima di tutto che attualmente, a livello globale, ci sono più di 50 milioni di pagine di aziende. In Italia l’86% dei profili Facebook ha tra gli amici una Pmi. Ma sono poche quelle imprese che veramente usano i social per cercare nuovi clienti, fare customer care o innovazione di prodotto.

Anche i contenuti condivisi variano molto da settore a settore. Se per le aziende media, quelle di arredamento, turismo o cibo le foto la fanno da padrona, per i professionisti, come commercialisti o avvocati, sono soprattutto i link a fare la parte da leone. Il turismo è il settore che ‘posta’ di più, i commercialisti meno.

PMI

Rispondi