Digital economy, in Italia vale il 18% del Pil

Ogni 10 euro prodotti, 1,80 sono digitali. È il peso della digital economy in Italia secondo Accenture Strategy.

digifest-campaign-live

L’economia digitale, infatti, vale 328 miliardi di dollari, pari al 18% del prodotto interno lordo. Una fetta che aumenta. Nel giro di 5 anni, il volume d’affari crescerà, toccando i 394 miliardi di dollari. Una crescita del 19,9% che farà lievitare anche la fetta digitale sull’intero Pil: nel 2020 sarà pari al 20,6%.

I dati non sono del tutto confortanti. La crescita c’è, ma il settore non ha ancora il peso che gli spetterebbe. Se la digital economy italiana vale il 18% del Pil, quella mondiale costituisce già il 22,5% del totale. E varrà un quarto della torta nel 2020.

Potrebbe andare meglio con alcune correzioni. Più investimenti nei settori digitali, la creazione di una strategia organica e la nascita di un ecosistema digitale. Con questi accorgimenti, rispetto alle previsioni si potrebbero recuperare altri 81 miliardi di dollari e l’1% del Pil.

Quali sono i limiti italiani? Lo studio dà un giudizio sulle “leve digitali”: tecnologia, acceleratori e competenze.

La tecnologia ottiene 6 punti su 10. Al pari della Francia, meglio di Germania e SpagnaAnche gli acceleratori, con 4 punti, tengono il passo: Parigi e Berlino sono alle spalle, mentre Madrid ci precede.

Quello che manca sono le digital skills, sulle quali Accenture infierisce con un severo “zero”. E qui la strada da fare, a partire dalla formazione, è davvero tanta.

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...