Mobile, Google contro la pubblicità invadente: vantaggi e svantaggi

Google continua sulla strada intrapresa da tempo: suggerire risultati in base alla qualità dei contenuti e della usabiltiy. Il proposito “user first” trova applicazione questa volta nella penalizzazione dei contenuti con messaggi interstitial invadenti. In altre parole: la pubblicità che ostacola navigazione e lettura inficerà la visibilità sul motore di ricerca.

Schermata 2016-08-26 alle 17.16.05

Un messaggio rivolto agli inserzionisti ma soprattutto agli editori, che spesso spingono formati invasivi a scapito della navigabilità. Dal prossimo 10 gennaio, quindi, bando a banner e pop-up che occupano una porzione eccessiva della pagina o, peggio, coprono l’intero articolo obbligando l’utente a un click per poter continuare.

La notizia ha dei lati positivi ma anche delle zone d’ombra. Appartiene senza dubbio alla lista dei pregi la volontà di mettere al centro gli utenti e la loro esperienza. Verso una valorizzazione dei contenuti di qualità (e sempre Seo friendly). Altra nota positiva: con questa mossa, Google obbligherà gli editori a modificare alcune abitudini. Tenendo conto del peso di Big G, sarà uno stimolo decisivo per cambiare strada, con una pubblicità più indirizzata e meno invadente. Una strada obbligata, tenendo presente anche il successo degli ad blocker, cioè dei software in grado di bloccare gli annunci pubblicitari, spesso unica fonte di guadagno per gli editori.

Restano però alcuni dubbi. Nel post con il quale comunica la decisione, Google fornisce anche alcuni esempi di quali siano i messaggi interstiziali disturbanti. E afferma che, al contrario, non saranno penalizzati i siti che utilizzano i messaggi interstiziali in modo “responsabile”. La definizione si affida al buon senso ma è piuttosto vaga. E quando, come in questo caso, mancano paletti certi cresce il potere di chi decide. Cioè Google.

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...