La Seo serve anche per dare i nomi ai prodotti: il caso Ikea

Alzi la mano chi non ha mai litigato all’Ikea con il compagno/la compagna. Ecco, lo sa anche il gruppo svedese. Che su questa cosa ci ha fatto una campagna di marketing. Non con una pubblicità ma con una strategia che nasce intorno alla Seo.

schermata-2016-12-16-alle-16-33-25

L’agenzia creativa svedese Åkestam Holst è partita dai “problemi di coppia” (e non solo) più cercati su Google. Alle query è stato abbinato un prodotto che dovrebbe risolvere la questione, battezzato con la stessa chiave di ricerca. Ad esempio, la padella di acciaio è stata rinominata “How to stay married” (come rimanere sposati); il doppio lavandino si chiama “mio marito è un egoista”. Il divano letto si è trasformato in “il mio partner russa”. Ikea non si è fermata a dare nomi singolari: ha creato un sito (ikeaterapy.com) che raccoglie i prodotti-query e consente di acquistarli. Ce ne sono un centinaio, tutti Seo friendly.

I risultati, a spanne, sembrano incoraggianti. Non solo perché il progetto strappa un sorriso. Ma anche (e soprattutto) perché i prodotti si posizionano in maniera efficace anche per chiavi di ricerca che altrimenti sarebbero lontanissimi da Ikea. Ad esempio: “My Partner Snores” si trova alla seconda pagina della Serp e “She Doesn’t Want to Cuddle” alla prima. L’idea potrebbe aprire nuove prospettive: la Seo usata non solo per spingere marchi e prodotti ma anche per decidere i loro nomi.

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...