Social, ecco perché il 2017 sarà un anno video-first

Se tre indizi fanno una prova, figuriamo sei. Nelle ultime settimane sono arrivate sui maggiori social network diverse novità. Con una costante: il video. E se la coda dell’anno porta con sé un pezzo di quello che verrà, ecco allora una previsione con pochi margini d’errore: il 2017 sarà un anno video-first. Lo ha detto anche Mark Zuckerberg: il mantra di Facebook non è “mobile first” (quello è già assodato) ma diventare una “video-first platform”. Una regola che vale per il social principale e per le app controllate (Messenger e WhatsApp), per gli spazi aperti (News Feed e omologhi) come per quelli chiusi (le chat). Ma vediamo quali sono questi sei indizi, tutti arrivati negli ultimi 50 giorni dell’anno.

video-social

L’ultimo in ordine di tempo è stato annunciato oggi. Messenger, dopo aver introdotto le videochiamate, ha lanciato le videochat di gruppo. Potranno partecipare fino a sei persone (faccia a faccia) e 50 solo a voce. Le videochat di gruppo sembrano la naturale evoluzione di tutte le app di messaggistica. Ce lo dice anche il secondo indizio: WhatsApp ha esteso oltre il perimetro della sperimentazione la possibilità di videochiamare. Poco dopo è stato il turno di Slack: è una delle app che cresce più rapidamente, ha una vocazione organizzativa (e lavorativa) più spiccata rispetto a WhatsApp. È partita con le conversazioni uno a uno ma le probabilità che si espanda anche a quelle di gruppo sono molto alte.

Passando dalle chat alle bacheche, il risultato non cambia. Il 14 dicembre, Twitter ha lanciato il suo servizio live (sul modello di quello di Facebook). Il sito di microblogging aveva già la sua piattaforma di video in diretta. Adesso però sarà possibile trasmettere anche senza passare da Periscope, per un servizio più immediato. Nel post di lancio, Twitter ha affermato che “i live video sono il modo più immersivo per vivere ciò che accade nel mondo”. Che tradotto significa maggiore engagement e tempo di permanenza.

Il pianeta Zuckerberg non è stato a guardare. A metà dicembre, ha fatto debuttare i video live sul social delle foto, Instagram. E poche ore dopo è stata la volta del sesto indizio. Una fusione: i video live sono disponibili anche a 360 gradi e live. Il passo propedeutico per la prossima grande sfida social (“the next big thing” l’ha definita il fondatore di Facebook): la realtà virtuale.

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...