Cos’è la DEFI e come potrebbe cambiare il FinTech (e non solo)

DeFi è un acronimo che sta per Decentralized Finance, un insieme cioè di tutti quei nuovi strumenti finanziari basati su reti decentralizzate. Pur esistendo da qualche anno, è solo da qualche mese che il tema è letteralmente esploso sulla rete.

Si tratta di strumenti finanziari decentralizzati e disintermediati, senza cioè un’entità singola che si ponga come intermediario. Questo è possibile grazie alla blockchain e a un nuovo tipo di garanzia, chamato smart contract. Agli smart contract è infatti demandata ad esempio la funzione di verificare la capacità del singolo utente di restituire un prestito, prendendo così di fatto il posto del tradizionale intermediario (solitamente un istituto bancario o di credito).

Le 4 aree di applicazione (attuali e future) della DeFi sono:

  • L’erogazione di credito/debito
  • Gli strumenti derivati e di asset management
  • Gli exchange di valute tradizionali e crypto, materie prime e altri articoli di negoziazione
  • I sistemi di pagamento

Questo modello è divenuto famoso grazie alla blockchain di Etherium, la criptovaluta più diffusa dopo il Bitcoin, e ha consentito agli utenti di immobilizzare alcuni etherium in uno smart contract in modo tale che gli enti creditizi potessero accettarli come garanzia di pagamento per emettere un prestito. In questo modo gli utenti hanno potuto accedere a un credito (di solito in valuta tradizionale fiat o in una stable coin, non soggetta quindi a importanti fluttuazioni di mercato come una normale criptovaluta) senza però vendere la loro criptovaluta (in vista probabilmente di un possibile rialzo futuro). Prima dell’avvento di questo sistema, sarebbe stato necessario vendere le proprie criptovalute e esporsi al rischio di un mancato guadagno futuro.

Come già accaduto alla blockchain, portata alla ribalta da Bitcoin, ma poi utilizzata per certificare in moltissimi ambiti, anche questo nuovo modello potrebbe varcare le acque del fintech ed essere applicato a qualunque ambito.

Rispondi