Smart Speakers e Privacy: il braccialetto a ultrasuoni che ci protegge da orecchie indesiderate

Due professori di informatica dell’Università di Chicago hanno da poco progettato un bracciale in grado di silenziare tutti gli smart speaker presenti nel potenziale raggio di ascolto.

Questo «braccialetto del silenzio» è capace di interferire con il funzionamento degli altoparlanti intelligenti e, in generale, dei microfoni dei dispositivi elettronici, in modo da schermare le conversazioni di chi lo indossa.

Il dispositivo indossabile conta ben 24 altoparlanti che emettono, quando accesi, segnali a ultrasuoni. Questi suoni non vengono uditi all’orecchio umano ma vengono registrati dai vari microfoni, invalidando così l’audio registrato, voci incluse.

Il tema della privacy è strettamente connesso a quello delle tecnologie smart a utilizzo domestico. Il funzionamento degli altoparlanti intelligenti prevede infatti che i loro microfoni siano sempre accesi, in attesa di ascoltare le parole d’ordine per attivarsi e rispondere: «Alexa», «Ehi, Siri», «Ok Google». Solo dopo aver sentito questi comandi dovrebbero iniziare a registrare. Ma il condizionale è d’obbligo…

Rispondi